E' partito il nuovo progetto Family School (a cura di Patrizia Spinetta e Marco De Rossi), un set di incontri che punta al dialogo intergenerazionale per far sì che i genitori si possano aprire, confrontare, affidarsi a degli esperti nel tema con lo scopo di "diventare una famiglia oltre lo stato civile".

Le modalità della Family School non sono certo quelle dell'insegnamento accademico, ma si basa sulle proposte, sull'uso di strumenti creativi e sul mettere in campo il proprio corpo anziché la razionalità.

Il primo workshop del 5 e 6 novembre verteva sul "mettere in scena i legami" con lo scopo di scoprire "tranelli" e "tesori" del proprio albero genealogico, come scrive Cristobal Jodorowsky in "Metagenealogia". Accompagnati dai formatori Carola Minincleri, Patrizia Spinetta e Marco De Rossi, i "genitori del futuro" si sono messi a confronto con i legami familiari, il loro stile di relazione per capirne l'origine. Il viaggio consente di lasciar emergere, nelle misure delle proprie intenzioni, le convinzioni dominanti sul modo di comunicare e creare legami.

Con i nuovi workshop si andrà ad approfondire altri aspetti dell'essere genitori e individui allo stesso tempo. La famiglia consapevole è la famiglia del futuro.