Morire è trasformarsi in fiore.

Una mattina d'estate in aeroporto. Sala d'attesa della prima classe di una compagnia di bandiera europea. I passeggeri sono pronti a volare verso le loro destinazioni, ma di lì a poco vivranno l'inaspettato e l'ineluttabile: la fine del mondo, che arriverà alla tredicesima ora dal primo drammatico annuncio del telegiornale comparso improvvisamente sui monitor. Con il passare delle ore, trascorsi tra sogno e realtà, maschere, bugie, ipocrisie e non detti dei protagonisti, amici, fidanzati o estranei per caso incontratisi lì, non tarderanno a bruciare nel fuoco della verità, trasformando la lounge vip in un grande e grottesco palcoscenico per la morte, la terra inesplorata donde mai non tornò alcun viaggiatore.

"Until the end” è un'esperienza obbligata di abbandono delle maschere e delle resistenze alla vita, una provocazione per liberare la propria voce autentica, smettere un'identità il più delle volte apposta, ed entrare nell'ignoto, per sciogliere tutto ciò con cui ci identifichiamo, ritrovare un vuoto che è potenziale e gestarvi una nuova nascita.

Visibile in primo studio a Spazio Farma domenica 30 maggio alle ore 20.45 con gestione rispettosa delle norme anti-covid. I posti disponibili sono già esauriti. Luogo e data del debutto verranno annunciati su questo blog.